Bellinzona: siamo in marcia!


Per la verità in marcia lo siamo da più di un anno quando iniziarono i lavori di costituzione della nuova Sezione di Bellinzona. Una sfida che si annunciava da subito impegnativa ma che - senza aver alternative - andava affrontata con spirito di sacrificio e costanza. Impensabile infatti lasciar passare i mesi senza un coinvolgimento delle Sezioni perché tanto la nuova realtà popolare democratica bellinzonese sarebbe nata comunque. No! L’aggregazione, per noi, è realtà dall’ottobre 2015 quando nacque il Gruppo di lavoro delle Sezioni aggregande che ho avuto l’onore di coordinare in quanto, da cittadino di Lumino (Comune non aggregato), persona senza particolari conflitti d’interesse. Un Gruppo composto da rappresentanti dei Comuni aggregandi, che all’epoca si conoscevano poco ma che, settimana dopo settimana, mese dopo mese, hanno collaborato fianco a fianco contribuendo alla nascita della nuova Sezione ed iniziando quell’importante processo di assimilazione della realtà aggregativa. Questo era un passaggio obbligatorio. Abbiamo infatti creato Bellinzona, ora bisognerà creare i bellinzonesi residenti in vari quartieri. Lo spirito è però sin da subito stato quello giusto e nel citato anno, assieme, sono stati approfonditi temi, preparato uno Statuto, iniziata la raccolta fondi e dato il via alla creazione del sito internet. Ora la Sezione di Bellinzona è una realtà, un punto di arrivo che è però anche un punto di partenza. È infatti da qui che iniziamo l’avvicinamento alle comunali 2017. Un appuntamento al quale il PPD di Bellinzona dovrà presentarsi da squadra compatta, dove a prevalere dovrà forzatamente essere il bene del Partito e non quello del singolo. Guai se sarà il contrario, sarebbe una Caporetto annunciata! Questo non lo vogliamo perché sappiamo che il Progetto aggregativo, sulla carta, rafforza e di molto il PPD bellinzonese. L’inciso “sulla carta” l’ho inserito volutamente perché i numeri che abbiamo a disposizione non si tradurranno magicamente e automaticamente a in un ottimo risultato. Ci vorrà dunque serietà, lavoro, costanza, passione e soprattutto amicizia. Amicizia fra il gruppo dirigente sezionale, fra i rappresentanti dei quartieri ed amicizia fra tutti noi. Così sì che potremo essere vincenti. Al discorso sui numeri non possiamo però non aggiungere quello legato ai profili ed alle competenze delle quali il PPD bellinzonese dispone. Abbiamo validissimi profili da proporre agli elettori: personalità già in politica come la quindicina di municipali e la settantina di consiglieri comunali oggi già attivi sul territorio o anche rappresentanti della società civile molto quotati ed apprezzati dalla popolazione. Con questo mix di buone idee, numeri positivi e personalità di livello potremo andare a prenderci quell’ottimo risultato che ci attende ma che meriteremo soltanto se lavoreremo bene e di squadra. Dovremo anche guadagnarci lo spazio sui media, che non necessariamente ci verrà regalato. E allora per raggiungere questo obiettivo dovremo parlare chiaro - politichese astenersi grazie! - non mandarle a dire quando sarà il caso e osare. Ci vuole coraggio e dovremo averne tanto. Da convincere ci sono molti popolari democratici ma altrettanti estimatori della scheda senza intestazione, non interessati alla politica e persone ben disposte a cambiare idea di fronte a progetti validi. Ce la possiamo fare, dipenderà solo da noi e dal lavoro che faremo!

Nicolò Parente
segretario cantonale

PPD

PPD Ticino, 5 Viale Portone, Bellinzona, TI, 6500, Switzerland