Sosteniamo e onoriamo chi si batte nei Comuni!

Care amiche, cari amici popolari democratici!
Domenica ci ritroveremo tutti al Padiglione Conza di Lugano per il Congresso cantonale di lancio della campagna per le Elezioni comunali.  Non sarà un congresso come gli altri: in verità si tratterà piuttosto di una festa popolare in onore della democrazia nella sua forma più immediata e vissuta: quella che unisce il cittadino ai suoi rappresentanti diretti a livello locale, dove senza troppi fronzoli ideologici si prendono le decisioni concrete che toccano la vita di ciascuno di noi, dei nostri figli e dei nostri anziani, delle nostre famiglie e delle associazioni locali in cui ci impegniamo.

Vogliamo ritrovarci tutti perché vogliamo in primo luogo dire GRAZIE ai nostri amici che si sono battuti per i nostri valori e per la nostra gente nel quadriennio che si conclude, e in particolare a coloro che smettono dopo parecchi quadrienni di impegno e di passione.

Vogliamo però ritrovarci tutti anche per incoraggiare e sostenere i numerosissimi amici che si sono messi a disposizione quali candidati per i rispettivi Municipi e Consigli comunali. In tempi di generale diffidenza verso la politica, di fuggi-fuggi dalle responsabilità personali e collettive, di scoramento per l’appiattimento e per la volgarità dominanti la vita politica ticinese (sempre meno confronto civile e sempre più scontro da circo), questa disponibilità dei nostri candidati merita di essere onorata! Dimostrano di persona che si può ancora credere nelle istituzioni, che ci si può battere con passione ma con rispetto e che se si vuole si può lavorare per il bene della comunità. Insomma, che VALE LA PENA!

Domenica vogliamo dunque onorare chi ha dato, e incoraggiare chi sta per dare. Ma vogliamo anche riflettere un momento sul futuro del Comune ticinese, al quale il Cantone e spesso anche la Confederazione tendono a togliere autonomia, trasferendo però compiti anche costosi. C’è bisogno di un equilibrio dare-avere in questo rapporto dialettico che mette a dura prova i Comuni, e vogliamo parlarne apertamente e senza fronzoli con alcuni nostri sindaci impegnati in prima linea.  Come c’è bisogno di capire fino a che punto si debbano spingere i processi di aggregazione, per non togliere radici e identità alla nostra gente e all’impegno degli stessi amministratori comunali.

Vogliamo dunque esserci TUTTI, domenica 21 febbraio a Lugano, per un Congresso che sarà diverso dal solito e che diventerà sul mezzogiorno una vera festa popolare per i nostri Comuni e per che si batte nei Comuni. 

Conto su di voi e vi aspetto!

Filippo Lombardi,
coordinatore del Gruppo operativo

PPD

PPD Ticino, 5 Viale Portone, Bellinzona, TI, 6500, Switzerland