SÌ ad una riforma fiscale e sociale... a favore di tutti!

È indubbio che nell’attuale contesto internazionale la Svizzera e il Ticino si caratterizzano per un alto livello di benessere. L’evoluzione della nostra società è però in continuo mutamento e  quindi è necessario chiedersi costantemente cosa è necessario fare per continuare a  mantere alta la qualità di vita nel nostro territorio.

La riforma fiscale e sociale si muove proprio in questa direzione e per valutarla adeguatamente occorre soprattutto osservare ciò che accade al di fuori dei nostri confini. Ebbene, dal profilo fiscale il Ticino è scivolato nelle ultime posizioni nel confronto con gli altri Cantoni e il nostro territorio risulta essere poco concorrenziale in un’ottica intercantonale. Il pericolo è quindi chiaro: chi vi risiede (persone fisiche) o vi è insediato (aziende) può essere spinto a spostarsi altrove. E in questo caso le conseguenze negative per le finanze pubbliche e anche per la nostra popolazione sarebbero evidenti.

La riforma ha invece l’indiscusso vantaggio di rendere più attrattivo il Ticino, favorendo così il consolidamento del substrato fiscale.  Si tratta di un passo necessario se vogliamo mantenere il benessere che negli ultimi decenni ha contraddistinto la nostra realtà.  Inoltre, questa riforma, permetterebbe anche al nostro ente pubblico di disporre delle giuste risorse così da poter attuare una politica sociale di primo piano nel panorama svizzero. Quest’ultima sarà pure ulteriormente irrobustita grazie al finanziamento - da parte delle aziende - di tutta una serie di misure sociali a favore della conciliabilità tra lavoro e famiglia.

Il prossimo 29 aprile sarà dunque importante votare SÌ a una riforma che ha l’obiettivo di rafforzare il tessuto economico e sociale del nostro Cantone... e questo a favore di tutti!

Claudio Franscella, Vice presidente Gran Consiglio

PPD

PPD Ticino, 5 Viale Portone, Bellinzona, TI, 6500, Switzerland