Sostegno ad Asia Bibi

Il Partito Popolare Democratico ha preso atto della petizione presentata da Giorgio Ghiringhelli che chiede al Gran Consiglio ticinese di “concedere alla signora Asia Bibi la cittadinanza onoraria cantonale, in base all’art. 27 della Legge sulla cittadinanza ticinese e sull’attinenza comunale” e di presentare “una risoluzione (iniziativa cantonale) alle Camere federali per chiedere che con procedura d’urgenza venga concesso asilo politico in Svizzera alla signora Asia Bibi, di nazionalità pakistana”.

La storia ma soprattutto il futuro di Asia Bibi non possono lasciarci indifferenti dal momento in cui questa donna, madre di cinque figli è stata condannata a morte nel 2010 da un tribunale per aver detto “credo nella mia religione e in Gesù Cristo, morto sulla croce per i peccati dell’umanità.”

Negli scorsi giorni la Corte Suprema del Pakistan ha annullato la pena di morte assolvendo Asia Bibi da tutte le accuse e facendo osservare che secondo il Corano “la tolleranza è il principio fondamentale dell’Islam”.

Una sentenza che non lascia però tranquilla Asia Bibi dal momento in cui migliaia di persone sono scese in strada per protestare contro la sentenza della Corte suprema del Pakistan.  Inoltre nel 2011 l’ex-governatore del Punjab, Salman Taseer, reo di aver difeso pubblicamente la causa di Asia Bibi era stato ucciso. La stessa sorte era toccata nel 2016 al ministro cristiano delle Minoranze, Shahbaz Bhatti, che da tempo si batteva per difendere i diritti dei cristiani pachistani, reo di aver difeso la donna e di aver chiesto l’abrogazione della legge sulla blasfemia. Ora gli stessi estremisti minacciano di uccidere sia i tre giudici della Corte suprema e sia l’avvocato difensore di Asia Bibi, il quale avrebbe ringraziato la comunità internazionale per il sostegno dato in questi anni.

Il PPD condivide quindi l’auspicio che la Confederazione, se così richiesto da Asia Bibi e dalla sua famiglia, possa accogliere questa coraggiosa donna che merita di essere sostenuta dal nostro Paese, al pari di altre persone perseguitate a causa della loro fede.

PPD

PPD Ticino, 5 Viale Portone, Bellinzona, TI, 6500, Switzerland