I bambini non si toccano!

INTERNET_Abusi_468x390px_72dpi.jpg
 
 

Le proposte del PPD:

Stop all’omertà, sì all’obbligo di segnalazione!

Nel 2010 il deputato PPD Alex Pedrazzini presentò in Gran Consiglio una proposta di legge per l’obbligo di denuncia per chi fosse a conoscenza di abusi su minori. La Legge fu votata all’unanimità dal Gran Consiglio ma il Consiglio di Stato non la mise mai in pratica. Ora occorre trovare al più presto una soluzione.

Ritirare il passaporto ai pedofili? Si deve e si può!

Incomprensibile e inaccettabile la posizione del Consiglio federale secondo il quale la proposta
va respinta perché “non è necessario né realizzabile ritirare il passaporto ai cittadini svizzeri condannati per reati di pedofilia”. Noi invece diciamo: stop ai pedofili che vanno ad abusare dei bambini nei paesi poveri. La mozione del Consigliere nazionale PPD Fabio Regazzi, che ha riproposto quanto fatto in Australia, è sacrosanta. Se l’ha fatto l’Australia non c’è nessun motivo per il quale non lo possa fare anche la Svizzera!

Basta condanne ridicole per pedofili e stupratori!

È intollerabile che chi commette un reato sessuale ai danni di un bambino o di una donna possa rimanere a piede libero, beneficiando di pene sospese con la condizionale. È da questa triste constatazione, e dagli esempi negativi che abbiamo avuto in Ticino, che parte l’iniziativa cantonale presentata dal deputato e presidente del PPD Fiorenzo Dadò (cofirmatari Simone Ghisla e Giorgio Fonio) dove si chiede alle Camere federali che vengano finalmente inasprite le pene per questi carnefici, in modo che finiscano in prigione. Questa iniziativa cantonale è stata approvata nel gennaio 2019 dal Gran Consiglio (relatrice Sabrina Gendotti). Un primo passo nella giusta direzione, ma ora tocca al Parlamento federale intervenire!