Rafforziamo la Scuola media


 
 

Tema cantonale in votazione, deputato Claudio Franscella. A distanza di poco tempo dalla bocciatura da parte del Parlamento e del popolo dell’iniziativa “Aiutiamo le scuole comunali” ci troviamo di fronte ad un atto analogo che chiede in particolare la riduzione degli allievi per classe a 20, istituire mense scolastiche e doposcuola, potenziare il servizio di sostegno pedagogico, introdurre il sussidio comunale, ridurre le dimensioni delle sedi di scuola media e introdurre delle misure di differenziazione curricolare per gli allievi di 13 anni.

Secondo Franscella il nome dato all’iniziativa è accattivante, “ma preoccupa soprattutto la portata finanziaria della sua approvazione. Se dovesse essere accettata si andrebbero a spendere una quarantina di milioni di franchi e anche i comuni sarebbero chiamati alla cassa. Un coinvolgimento che ha destato molte perplessità in Parlamento”. Le cifre, secondo il gran consigliere, parlano da sole e dimostrano quanto questa iniziativa popolare sia utopica alla luce della situazione finanziaria ticinese.

Con questo il Gruppo PPD non intende riconoscere tutte le proposte, ma occorre avere una visione generale, inserendo nel sistema scolastico, criterio, coerenza e razionalità. 


Per l’oggetto in votazione cantonale il prossimo 5 giugno 2016, il PPD Ticino invita a votare: NO all’iniziativa popolare - Rafforziamo la scuola media – Per il futuro dei nostri giovani.


PPD

PPD Ticino, 5 Viale Portone, Bellinzona, TI, 6500, Switzerland