Legge sui trasporti pubblici


 
 

Modifica della legge sui trasporti pubblici? Secondo il capogruppo Fiorenzo Dadò il nome è fuorviante, si tratta di una tassa sui posteggi. “La tassa che ci propongo oggi non è pro qualcosa, ma contro. Contro i posteggi e i loro proprietari e verrà pagata dai clienti dei negozi. Quali sono gli obiettivi del Governo? Ridurre il traffico pendolare e scoraggiare l’utenza dal prendere l’automobile. Una tassa per i frontalieri? Per Dadò questa è una mezza verità, o meglio una mezza bugia, in quanto alla fine, saranno ancora i ticinesi a pagare.

In cifre: fr. 1,50 al giorno per ogni posteggio destinato ai clienti dei commerci e fr. 3,50 per i posteggi dei lavoratori nelle aziende. Questi importi potranno aumentare negli anni. Il capogruppo ha però sottolineato che il principio originario è condivisibile, ma gli aggiornamenti colpiscono in modo sbagliato e creano un precedente. Ha però il merito di affrontare il carico ambientale eccessivo del traffico, tema che va trattato. Il ricavo preventivato di fr. 18’000’000.- andrebbe a coprire il deficit del trasporto pubblico. Elementi da valutare e considerare.

Lombardi ha riassunto la posizione del Gruppo Operativo, spiegando che si tratta di una proposta con scopi condivisi ma declinata in maniera sbagliata, senza ascoltare i nostri consigli che avrebbero corretto alcune rigidità. Una buona idea applicata malamente.


Per l’oggetto in votazione cantonale il prossimo 5 giugno 2016, il PPD Ticino invita a votare: LIBERTÀ DI VOTO sulla modifica del 14 dicembre 2015 della Legge sui trasporti pubblici - Tassa di collegamento.


PPD

PPD Ticino, 5 Viale Portone, Bellinzona, TI, 6500, Switzerland